Gibson

Orville Gibson cominciò a costruire mandolini nel 1894 a Kalamazoo, Michigan, USA. Nel 1902 fu creata la Gibson Mandolin-Guitar Mfg. Co, Ltd. per commercializzare i suoi strumenti. A cominciare dal 1908 Orville Gibson fu pagato 500$ all’anno dall’azienda. A causa di una malattia tra il 1907 ed il 1916 venne ricoverato più volte ed il 21 agosto 1918 morì.
Tra il 1920 e il 1930 la Gibson cambiò radicalmente il concetto di chitarra, inventando tra le altre cose la chitarra archtop a tavola bombata, e divenne la principale produttrice di chitarre statunitensi con il modello Gibson L-5. Negli anni ’30 iniziò la produzione di chitarre acustiche a tavola piatta, diventando così la principale concorrente di Martin, e introdusse (1936) la ES-150, la prima chitarra elettrica commerciale.Nel 1952 la Gibson mise in commercio la sua prima chitarra solid-body (cioè senza cassa di risonanza, ma con un corpo pieno), creata in collaborazione con il famoso musicista Les Paul
In questo periodo comincia la rivalità con Fender, che da quel momento contende a Gibson il primato fra i costruttori di chitarre elettriche.
Nei tardi anni cinquanta fu la volta di originali ed eccentriche chitarre come la Gibson Explorer e la Flying V ma anche la ES-335, prima semiacustica con corpo parzialmente pieno; inoltre, modificò radicalmente i pickup con l’introduzione dell’humbucker.
Nel 1957 acquistò l’azienda Epiphone, una sua concorrente che produceva strumenti molto simili per modelli e qualità, e ne incamerò il catalogo; questa, comunque, non ha perso il suo nome e continua tuttora la sua attività.
Alla Les Paul seguì, nel 1954, la Les Paul Custom e il modello SG, nel 1961, rimpiazzò la custom. Questi strumenti furono utilizzati fin dalla fine degli anni sessanta da famosi chitarristi come Frank Zappa, Eric Clapton, Peter Green e Jimmy Page.
Un modello particolare di chitarra prodotto dalla Gibson è stato denominato Lucille in onore di B.B. King che per oltre quarant’anni ha suonato con una Gibson ES-355 da lui così chiamata.
Tra il 1974 ed il 1984 la produzione delle chitarre Gibson fu spostata da Kalamazoo a Nashville, Tennessee.
Nella metà degli anni ottanta l’azienda rischiò il fallimento prima di essere acquistata dagli attuali proprietari nel gennaio 1986.
Secondo il Nashville Post e il Dayton Daily News la società nel 2017 risulta esposta con 375 milioni di US$ di obbligazioni, oltre a 145 milioni di US$ di prestiti bancari, rischiando la bancarotta nell’anno 2018 a scadenza dei predetti strumenti finanziari, questo nonostante il fatturato di un miliardo di US$.